Per il Milan di Giampaolo 6 gol in 7 gare.

08/10/2019
 

E' solo questione di ore. Questo pomeriggio, il Milan darà il benservito a Marco Giampaolo. Dopo sette giornate il club rossonero ha deciso di esonerare il tecnico di Bellinzona, coi dirigenti rossoneri che - proprio in questi minuti - stanno definendo l'accordo con l'entourage di Stefano Pioli. A condannare l'ex allenatore della Sampdoria gli scarsi risultati, il gioco poco brillante egli enormi problemi in zona gol. In queste prime sette giornate il Milan ha infatti realizzato solo sei gol: hanno fatto peggio solo l'Udinese (3 gol) e la Sampdoria fanalino di coda (4 gol).

Immobile e la lite con Inzaghi

08/10/2019
 

Da Coverciano, Ciro Immobile torna sullo screzio con Simone Inzaghi, che sembra pienamente rientrato in casa Lazio: "Mi fa piacere che se ne parli ancora. Significa che quello che ho dato in questi anni, voi che mi conoscete bene, vi fa sembrare tutto strano. Per questo non c'è una spiegazione: avevo segnato, mi sentivo bene, ho sbagliato e non ho scuse. È una cosa che non si fa, è sbagliata: bisogna capire il momento, la situazione del giocatore in campo. Però grazie della fiducia, non sbaglierò più: anzi, mi metto d'accordo col mister, magari lo rifacciamo, visto che da allora ho fatto quattro gol in una settimana".

Napoli, scoppia il caso Insigne

03/10/2019
 

Scoppia il caso Insigne in casa Napoli dopo la tribuna del capitano azzurro nella partita pareggiata contro il Genk in Champions League. La "scelta tecnica" di Ancelotti fa molto discutere, perché arrivata a margine di una partita importante per il percorso europeo e perché apparsa fin da subito netta anche nel messaggio da mandare allo stesso calciatore. Dopo il Cagliari già c'era stata una prima frizione tra il tecnico e il Magnifico, con malumori tattici che però nascono addirittura dall'estate. Insigne non ama giocare da quarto di centrocampo e dopo un paio di tentativi andati a vuoto di riportarlo in un tridente offensivo, il suo compito è diventato con continuità proprio quello che non gli piace. Da qui sono arrivate alcune prestazioni al di sotto degli standard del giocatore della Nazionale culminate con questa clamorosa esclusione. Adesso Ancelotti dovrà essere capace di recuperare il rapporto con il giocatore simbolo del post Hamsik ma non sarà facile.

Petrachi rischia un anno di squalifica

03/10/2019
 

Gianluca Petrachi, direttore sportivo della Roma, rischia un anno di squalifica per avere iniziato a lavorare per il club di Pallotta nonostante fosse ancora sotto contratto con il Torino. Ufficialmente infatti, il legame con Cairo si è chiuso il 25 giugno, ma il 4 dello stesso mese, Petrachi veniva fotografato di ritorno dal volo di ritorno da Madrid dove si era recato per la firma di Fonseca. 20 giorni di anticipo che potrebbero portare a una squalifica per il dirigente e a un'ammenda per il club, che ufficiosamente nega tutto, compresa l'evidenza dei fatti.

Alta tensione verso il Derby d'Italia

01/10/2019
 

Una settimana ad altissima tensione, e non solo per l’epilogo che sarà costituito dal Derby d’Italia che andrà a soddisfare la voglia degli appassionati di calcio nell’osservare una contro l’altra le due squadre che stanno catalizzando l’attenzione di questo avvio di stagione, ma anche per gli impegni europei che andranno a scandire il cammino di Inter e Juventus in vista dello scontro diretto di domenica sera. I nerazzurri di Conte vi si presenteranno a punteggio pieno in campionato, avendo superato ogni genere di riprova di carattere e di sostanza, ma con importanti margini di miglioramento dal punto di vista della prestazione. Il segnale lanciato dalla gara di Marassi contro la Samp, oltre a fornire la certezza di poter contare su un fuoriclasse come Alexis Sanchez al netto delle sue ingenuità, ha dato ampie garanzie anche dal punto di vista della tenuta mentale avendo assorbito i dettami suggeriti dal proprio allenatore. La riprova più difficile giungerà però dal Camp Nou, dove i nerazzurri saranno chiamati a fornire un segnale rilevante contro l’avversario più difficile per rifarsi dello scivolone con lo Slavia Praga che ha inaugurato la campagna europea. Uno scenario che si contrapporrà a quello decisamente più collaudato della Juventus, che nonostante la novità del progetto tattico firmato Sarri sta mantenendo le linee guida di meritevole concretezza e lotta ai vertici che hanno contraddistinto la storia recente del club. Anche per i bianconeri l’esame in vista del Meazza sarà però introdotto da un impegno continentale, meno proibitivo di quello dell’Inter, ma comunque insidioso contro il Bayer Leverkusen.

Pagine: 1 2

 

Statistiche

  • Annunci : 4.827
  • Notizie : 156
  • Visite : 1.454.528