Barcellona crolla con Benfica

30/09/2021
 

All'Estadio da Luz, dopo il ko incassato nella prima uscita contro il Bayern Monaco, il Barcellona ne prende tre anche dal Benfica. I blaugrana, sorpresi dopo pochi minuti dal destro di Nunez, reagiscono e collezionano almeno un paio di buone occasioni per pareggiare, senza però trovare il bersaglio grosso. Nella ripresa, dopo il palo colpito in contropiede da Nunez, Rafa raddoppia al 69′ e a calare il tris è ancora Nunez, glaciale dal dischetto al 79′. Notte fonda per la squadra di Ronald Koeman, che nel finale resta anche in dieci per il rosso a Eric Garcia. Con la strada verso la qualificazione agli ottavi sempre più in salita, l'avventura del tecnico olandese sulla panchina catalana potrebbe essere giunta al capolinea.

Juve: un colpo da Champions per battere i campioni

30/09/2021
 

La Juventus si regala una notte da Champions. Ha salutato un fenomeno Cristiano Ronaldo, ma ormai in casa ne ha un altro: Federico Chiesa. L'azzurro trascina i bianconeri battendo i campioni in carica con una prova da fuoriclasse. Un suo guizzo subito dopo l'intervallo piega il Chelsea dopo che lo aveva messo alle corde con le sue folate, spesso imprendibile per Thiago Silva e soci. Una vittoria all'italiana per Massimiliano Allegri orfano di Dybala e Morata: dopo una partenza in sofferenza, troppo rispettosa nei confronti dei detentori del trofeo, risistema la squadra e non corre particolari pericoli di fronte a Lukaku che fa scena muta. Il tecnico aveva detto di aver inserito il premio Champions nel contratto, ma serve ben altro: questo sia chiaro.

Messi, primo gol con il Psg

29/09/2021
 

Finalmente è arrivato. Messi segna il suo primo gol con il Paris Saint-Germain e lo fa nella serata di Champions League battendo Guardiola. Proprio di fronte al suo ex allenatore ai tempi del Barcellona, Messi ha guidato la supersquadra degli emiri, rafforzata con l'obiettivo di conquistare l'Europa. L'argentino ha giocato al minimo fino a quando si è acceso e ha duettato con Mbappé e Neymar. I "tre tenori" hanno dato spettacolo, con folate a velocità supersonica. Nel primo tempo ha fatto quasi tutto la squadra di Guardiola ma un PSG molto attento, a tratti cinico e irrefrenabile quando dispiegava i tre tenori, è riuscito a chiudere in vantaggio

Champions: Inter ingabbiata

29/09/2021
 

Serata infelice per l’Inter, uscita da Kiev solo con un pareggio. Lo 0-0 finale, il terzo di fila tra i nerazzurri e lo Shakhtar considerando anche le sfide dell’anno scorso, lascia l’amaro in bocca, ma soprattutto la squadra di Inzaghi al terzo posto (assieme agli ucraini) del girone, staccati di ben 5 punti dallo Sheriff, clamorosamente vittorioso al Bernabeu, e a meno 2 dal Real Madrid. Per carità, la qualificazione resta possibilissima, tanto più che nel prossimo turno l’Inter riceverà a San Siro proprio i moldavi, mentre De Zerbi dovrà vedersela con i Blancos di Ancelotti, ma ancora una volta si ha la sensazione di una squadra incapace di fare il salto di qualità europeo. “Abbiamo affrontato una squadra in salute, brava tecnicamente e che ha fatto tanto palleggio – l’analisi di Inzaghi – Noi abbiamo avuto il demerito di non sfruttare le occasioni, il loro portiere era in grandissima serata. Anche in una serata non brillantissima abbiamo avuto cinque palle gol e potevamo vincerla per quanto creato. Il girone è molto equilibrato, ora vediamo come andrà il doppio confronto nostro con lo Sheriff e quello dello Shakhtar col Real Madrid, poi vedremo come andrà lo scontro diretto di novembre in casa nostra”

Pioli non ci sta: "L'arbitraggio ci ha penalizzati"

29/09/2021
 

Rabbia e delusione nelle parole di mister Stefano Pioli dopo il beffardo ko subito dal suo Milan per mano di un Atletico Madrid capace di passare a San Siro per 2-1, grazie alle reti di Griezmann e Suarez. Proprio il rigore siglato a tempo scaduto dall’uruguagio è stata la goccia che ha fatto traboccare la rabbia dei rossoneri, in disaccordo con l’operato dell'arbitro Cakir. A Pioli e ai suoi ragazzi non sono andati giù il rigore fischiato in pieno recupero agli spagnoli (evidente il tocco di Lemar precedente a quello di Kalulu) e alcune altre fischiate nell’arco del match: “Siamo stati un po’ penalizzati dall’arbitraggio – spiega il tecnico rossonero ai microfoni di Mediaset –. Non credo sia stata la serata migliore dell’arbitro. L’inferiorità numerica ci ha costretto a cambiare partita. E’ un peccato perché siamo davvero arrivati vicini a portare a casa un risultato positivo. Ci sono tanti episodi dubbi, non solo il rigore o l’espulsione. Nelle situazioni metà e metà l'arbitro fischiava sempre dall’altra parte”. Pioli ha comunque elogiato la prestazione dei suoi: “Guardiamo però alle cose buone che abbiamo fatto soprattutto in parità numerica, giocando con ritmo e qualità. Soffrendo, stringendo i denti e prestando un po’ più di attenzione avremmo potuto portare a casa la gara. Ci è mancato ancora qualcosa. Il livello è altissimo, noi siamo competitivi ma bisogna restare concentrati in partita per i 90’”.

Pagine: 1 2 3 4 5

 

Statistiche

  • Annunci : 5.537
  • Notizie : 267
  • Visite : 1.454.528